Adempimenti per amianto: attenzione alla scadenza di febbraio

La sanzione amministrativa pecuniaria va da 2.582,28 euro a 5.164,57 euro

Adempimenti per amianto: a fine febbraio è previsto un adempimento da non dimenticare. Chi deve svolgerlo? Tutti le imprese che utilizzano amianto, anche indirettamente, nei processi produttivi, o che svolgono attività di smaltimento o bonifica.

Per completezza di informazione, va ricordato che l'adempimento è previsto sensi dell’art. 9, comma 1, legge n. 257/1992 (e circolare 17 febbraio 1993, n. 124976).

Adempimenti per amianto: i contenuti della relazione

I soggetti interessati devono inviare alle Regioni o alle Province autonome territorialmente competenti, nonché relative Ausl, una relazione che indichi:

  • i tipi e i quantitativi di amianto utilizzati e dei rifiuti di amianto che sono oggetto di attività di smaltimento o bonifica;
  • le attività svolte, i procedimenti applicati, il numero e i dati anagrafici degli addetti, il carattere e la durata delle loro attività e le esposizioni all’amianto alle quali sono stati esposti;
  • le caratteristiche degli eventuali prodotti contenenti amianto;
  • le misure adottate ai fini della tutela della salute dei lavoratori e dell’ambiente.
Box 1

Sei interessato ai temi della sicurezza e dell’ambiente?

Adempimenti per amianto

Abbonati ad Ambiente&Sicurezza, clicca qui!

Adempimenti per amianto: le sanzioni

Attenzione anche alle sanzioni: a carico dei trasgressori è prevista la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 2582,28 a euro 5164,57.

Adempimenti per amianto: la scadenza per il 2019

L'adempimento deve essere tassativamente svolto entro il 28 febbraio 2019. La successiva scadenza è prevista per il 28 febbraio 2020.

Art. 9, comma 1, legge n. 257/1992

"Controllo sulle dispersioni causate dai processi di lavorazione e sulle operazioni di smaltimento e bonifica 1. Le imprese che utilizzano amianto, direttamente o indirettamente, nei processi produttivi, o che svolgono attività di smaltimento o di bonifica dell'amianto, inviano annualmente alle regioni, alle province autonome di Trento e di Bolzano e alle unità sanitarie locali nel cui ambito di competenza sono situati gli stabilimenti o si svolgono le attività dell'impresa, una relazione che indichi: a) i tipi e i quantitativi di amianto utilizzati e dei rifiuti di amianto che sono oggetto dell'attività di smaltimento o di bonifica; b) le attività svolte, i procedimenti applicati, il numero e i dati anagrafici degli addetti, il carattere e la durata delle loro attività e le esposizioni all'amianto alle quali sono stati sottoposti; c) le caratteristiche degli eventuali prodotti contenenti amianto; d) le misure adottate o in via di adozione ai fini della tutela della salute dei lavoratori e della tutela dell'ambiente. 2. Le unità sanitarie locali vigilano sul rispetto dei limiti di concentrazione di cui all'articolo 3, comma 1, e predispongono relazioni annuali sulle condizioni dei lavoratori esposti, che trasmettono alle competenti regioni e province autonome di Trento e di Bolzano ed al Ministero della sanità. 3. Nella prima attuazione della presente legge la relazione di cui al comma 1 deve riferirsi anche alle attività dell'impresa svolte nell'ultimo quinquennio ed essere articolata per ciascun anno".

Sei interessato ad altri contenuti in materia di amianto? Clicca qui!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome