Danno da inquinamento, quale responsabilità?

In materia ambientale, l’ordinamento prevede due diversi regimi di “danno”. Occorre distinguere tra il danno per così dire “tradizionale” (artt. 2043 e seguenti del codice civile), ovvero la lesione di diritti soggettivi e interessi legittimi in conseguenza di un danno all’ambiente, dal danno “ambientale” in senso stretto, che consiste invece nella compromissione dell’ecosistema e il cui risarcimento spetta allo stato (artt. 301 e seguenti del D.Lgs. n. 152/2006 e, in passato, art. 18 della legge n. 349/1986). Come vedremo, per questi due diversi regimi di danno la scelta fra responsabilità solidale e proporzionale non è univoca.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here