Fornitura di calcestruzzo e Pos

Il ministero del Lavoro continua a considerare il trasporto e la consegna del calcestruzzo preconfezionato una mera fornitura, alla pari di una fornitura di pozzolana scaricata da un ribaltabile all’interno di un cantiere. Tuttavia questa posizione - dal ministero stesso finalizzata esclusivamente a decidere se il fornitore debba compilare o meno il Pos - nell’ultimo e recente documento, la nota 10 febbraio 2016, n. 2597, tradisce qualche incertezza. Infatti, per la prima volta, nella serie di circolari emesse su questo argomento, si avanza un’ipotesi di fornitura più articolata e in questo ambito si ritiene "pertanto necessario che l'ispettore verifichi precisamente se si tratti di una mera fornitura o di una vera e propria fornitura e posa in opera".

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here