Fotovoltaico e AUA: niente sconti dal Consiglio di Stato

Il TAR Puglia-Lecce aveva respinto la richiesta del titolare di una società operante nel settore energetico di annullare la determinazione di un comune, recante l’annullamento della dichiarazione di inizio attività (DIA) relativa alla costruzione e all’esercizio di un impianto fotovoltaico, partendo dal fatto che la società aveva violato l’art. 12 del D.Lgs. n. 387/2003, che prevede il rilascio dell’autorizzazione unica per gli impianti fotovoltaici di potenza superiore a 20 Kilowatt, realizzando l’impianto su una particella contigua a quella di altri quattro impianti, della potenza di 1 megawatt ciascuno. A fronte del ricorso della società, la V sezione del Consiglio di Stato, con la sentenza 27 aprile 2015, n. 2071, ha confermato la pronuncia del tribunale amministrativo pugliese.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here