GPP: acquisti verdi e nuove opportunità per le aziende virtuose

Il rafforzamento, da parte della legge n. 221/2015 (collegato ambientale alla legge di stabilità 2014), dei criteri verdi nelle gare d’appalto costituisce un passaggio di maturità per il sistema italiano, che è ora in grado di trasformare in “opportunità” economica l’impegno per la sostenibilità ambientale profuso negli anni dalle imprese italiane “sensibili” al tema. Partendo dal quadro legislativo aggiornato è possibile analizzare le principali ricadute nella formulazione dei bandi, il contesto europeo di promozione della “circular economy”, con un richiamo ai principali standard di certificazione per beni/lavori e servizi.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here