Il rischio incendio e il D.Lgs. n. 81/2008

Tra i diversi adempimenti in capo al datore di lavoro ex D.Lgs. n. 81/2008, uno riguarda l’elaborazione di un documento per la valutazione dei rischi, comprendente un’analisi dei singoli rischi calati nella realtà oggetto di valutazione. Tra i rischi da analizzare, di primaria importanza è il rischio incendio, che tuttavia non trova nel decreto indicazioni sulle relative modalità di valutazione. L'art. 46 del D.Lgs. n. 81/2008 cita al riguardo il D.M. 10 marzo 1998 che individua i criteri generali per la valutazione del rischio, ma non stabilisce una vera e propria procedura di valutazione con soglie di rischio di riferimento. Il D.M. 3 agosto 2015, invece, basa tutto il suo sviluppo sulla valutazione del rischio. Lo strumento della Fire Safety Engineering permette la quantificazione degli effetti legati alla valutazione, consentendo una verifica prestazionale.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here