La formazione è un obbligo e deve essere verificata

È quanto afferma la Cassazione con la sentenza n. 54803 del 7 dicembre 2018. Non è sufficiente trasferire al lavoratore conoscenze teoriche e pratiche: la sua preparazione, infatti, deve basarsi su un’attività meticolosa, specifica, concreta applicata e sperimentata. Senza dimenticare l’affiancamento di personale più esperto che possa verificare l’“acquista padronanza” da parte dell’addetto delle operazioni che è chiamato a svolgere in sicurezza

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome