Merci pericolose: in vigore la nuova disciplina sui trasporti

Le disposizioni si applicano all'ADR (trasporto su gomma), al RID (trasporto su rotaia) e all'ADN (trasporto per vie di navigazione interna)

Al via la nuova legislazione sul trasporto di merci pericolose. Il decreto del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti 12 maggio 2017 (in Gazzetta ufficiale del 17 giugno 2017, n. 139) ha, infatti, recepito la  direttiva  2016/2309  della  Commissione del 16 dicembre 2016 che adegua per la quarta volta al progresso scientifico e tecnico gli allegati della direttiva 2008/68/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa al trasporto interno di merci pericolose.

Le disposizioni si applicano:

  • all'ADR (accordo internazionale per il trasporto su gomma);
  • al RID (regolamento internazionale per il trasporto via ferrovia);
  • all'ADN (accordo internazionale per il trasporto per vie di navigazione interna).

Di seguito il testo del decreto del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti 12 maggio 2017 (modificato ai sensi dell’errata corrige pubblicata sulla Gazzetta ufficiale del 27 giugno 2017, n. 148), disponibile anche in pdf alla fine della pagina.

Commenti a breve su Ambiente&Sicurezza e, in anteprima, sulla banca dati on-line degli articoli di A&S.

Decreto del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti 12 maggio 2017

(modificato ai sensi dell’errata corrige pubblicata sulla Gazzetta ufficiale

del 27 giugno 2017, n. 148)


Recepimento  della  direttiva  2016/2309  della  Commissione  del  16

dicembre 2016 che adegua per la quarta volta al progresso scientifico

e tecnico gli allegati  della  direttiva  2008/68/CE  del  Parlamento

europeo e del  Consiglio  relativa  al  trasporto  interno  di  merci

pericolose. (17A04092)

             in Gazzetta ufficiale del 17 giugno 2017, n. 139

                  IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE

                           E DEI TRASPORTI

  Vista  la  direttiva  2008/68/UE  del  Parlamento  europeo  e   del

Consiglio del 24 settembre 2008  relativa  al  trasporto  interno  di

merci pericolose, recepita con  il  decreto  legislativo  27  gennaio

2010, n. 35;

  Vista la direttiva 2010/61/UE della  Commissione  del  2  settembre

2010 che adegua per la prima volta al progresso scientifico e tecnico

gli allegati della su indicata direttiva 2008/68/CE, recepita con  il

decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti  3  gennaio

2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 39 del 17 febbraio 2011;

  Vista la direttiva 2012/45/UE della Commissione del 3 dicembre 2012

che adegua per la seconda volta al progresso  scientifico  e  tecnico

gli allegati della su menzionata direttiva 2008/68/UE,  recepita  con

il decreto del Ministro  delle  infrastrutture  e  dei  trasporti  21

gennaio 2013, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 61 del 13  marzo

2013;

  Vista la direttiva 2014/103/UE della Commissione  del  21  novembre

2014 che adegua per la terza volta al progresso scientifico e tecnico

gli allegati della richiamata direttiva 2008/68/CE, recepita  con  il

decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 16  gennaio

2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 78 del 3 aprile 2015;

  Vista la direttiva 2016/2309/UE della Commissione del  16  dicembre

2016, che adegua per la  quarta  volta  al  progresso  scientifico  e

tecnico  gli  allegati  della   piu'   volte   richiamata   direttiva

2008/68/CE;

  Visto il decreto legislativo  30  aprile  1992,  n.  285,  recante:

«Nuovo  codice  della  strada»  e  successive  modificazioni,  e,  in

particolare, l'art. 229 che delega  i  ministri  della  Repubblica  a

recepire,  secondo  le  competenze  loro  attribuite,  le   direttive

comunitarie concernenti le materie disciplinate dallo stesso codice;

  Considerato che l'art. 5 del richiamato decreto legislativo  n.  35

del 2010 rimette all'amministrazione il recepimento  delle  direttive

comunitarie, concernenti l'adeguamento  al  progresso  scientifico  e

tecnico della materia del trasporto di merci  pericolose  su  strada,

recanti modifiche degli allegati A e B  dell'ADR,  dell'allegato  del

RID che figura come appendice C del COTIF e dei regolamenti  allegati

all'ADN;

  Ritenuto   opportuno   trasporre   nell'ordinamento   interno    le

disposizioni della direttiva 2016/2309/UE;

                               Adotta
                        il seguente decreto:

                               Art. 1
             Modifiche all'art. 3 del decreto legislativo
                       27 gennaio 2010, n. 35

  1. Le lettere a), b) e c) dell'all'art. 3,  comma  2,  del  decreto

legislativo 27 gennaio 2010, n. 35, sono sostituite dalle seguenti:

    «a) negli allegati A e B dell'ADR, come applicabili  a  decorrere

dal 1° gennaio 2017, restando inteso che i termini "parte contraente"

sono sostituiti dai termini "Stato membro", come opportuno;

     b)  nell'allegato

del RID, che figura come appendice C  della  COTIF,  applicabile  con

effetto dal 1° gennaio 2017, restando inteso  che  i  termini  "Stato

contraente del RID" sono sostituiti dai termini "Stato membro",  come

opportuno;

    c) nei regolamenti allegati all'ADN, applicabili  con  effetto  a

decorrere dal 1° gennaio 2017, cosi' come l'art. 3, lettere f) ed  h)

e l'art. 8, paragrafi 1 e 3 dell'ADN, nei quali «parte contraente» e'

sostituito con "Stato membro", come opportuno.».

  Il presente decreto e' pubblicato nella  Gazzetta  Ufficiale  della

Repubblica italiana.

Allegati

D.M. 12 maggio 2017

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here