Movimentazione manuale dei carichi e valutazione dei rischi

Nonostante il D.Lgs. n. 81/2008 faccia riferimento esplicito, in ragione della maggiore incidenza probabilistica di verificazione, al profilo di rischio attinente alle lesioni dorso-lombari, la movimentazione manuale dei carichi è connessa ad altri profili di rischio, in particolare a lesioni articolari, muscolari, tendinee interessanti altre sedi corporee (mani, piedi ecc.), al rischio cardiovascolare, e al rischio di lesioni all’apparato locomotore in senso ampio (ad esempio, lesioni al rachide cervicale). Ma che cosa prevede la legge in tema di valutazione dei rischi, con riguardo alla movimentazione manuale dei carichi? Ci sono pronunce in materia da parte della giurisprudenza?

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here