Nuovi delitti ambientali: le sanzioni tra testo unico e legge n. 68/2015

In materia di tutela penale dell’ambiente la direttiva 2008/99/Ce elenca un numero di reati gravi ai danni dell’ambiente e impone ai paesi Ue l’introduzione di sanzioni efficaci, proporzionate. Se i reati sono commessi per conto di una persona giuridica, da parte di un individuo che occupi una posizione dirigente in seno alla persona giuridica stessa, i paesi dell’Ue devono garantire che sia l’individuo sia la persona giuridica possano essere ritenuti responsabili. Questa specifica esigenza è stata recepita in Italia attraverso la estensione a molti reati ambientali della disciplina sulla responsabilità delle persone giuridiche prevista dal D.Lgs. n. 231/2001.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here