Protezione fisica dei materiali nucleari, l’Italia ratifica gli emendamenti

L’Italia si adegua agli emendamenti adottati l’8 luglio 2005 alla Convenzione sulla protezione fisica dei materiali nucleari, firmata a Vienna e a New York il 3 marzo 1980, e ratificata con legge 7 agosto 1982, n. 704. È l’effetto della legge 28 aprile 2015, n. 58 che, oltre ad autorizzare la ratifica di questi emendamenti, detta disposizioni di adeguamento dell’ordinamento interno nazionale, dall’individuazione delle autorità competenti agli obblighi degli esercenti delle installazioni nucleari, dall’introduzione del reato di attentato alla sicurezza delle installazioni nucleari alle nuove definizioni che si aggiungono a quelle contenute nella convenzione.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here