Raccolta dei rottami

La comunicazione sulle attività di recupero di rifiuti costituiti da cavi di rame inviata nel dicembre 2012 dalla provincia di Torino alle aziende del settore ha aperto un fronte di discussione sulla regolamentazione dell’attività dei raccoglitori di rottami, soprattutto alla luce delle possibili sanzioni amministrative. L’episodio offre il pretesto per analizzare le più recenti pronunce giurisprudenziali, a partire da quelle legate alla vicenda, ma anche il quadro complessivo che sembra penalizzare maggiormente i soggetti che operano nel perimetro della legalità.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here