Reati ambientali e prescrizione

Il legislatore, con la legge n. 68/2015, che ha inserito il Titolo VI-bis nel Libro secondo del Codice penale, ha colmato un vuoto normativo creando fattispecie delittuose idonee a sanzionare i più gravi fenomeni di lesione e di aggressione al bene ambiente, aspetto significativo (anche) della tutela della salute e incolumità pubblica. Ma in che termine l’introduzione dei delitti in materia di ambiente si riflette sulla disciplina della prescrizione? Come deve essere individuato il momento di consumazione del reato?

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here