Reati ambientali: un metodo per valutare quanto l’impresa sia a rischio

Con la legge 22 maggio 2015, n. 68 «Disposizioni in materia di delitti contro l’ambiente» sono state introdotte nuove fattispecie di reati ambientali all’interno del codice penale, per le quali è prevista la presunzione di responsabilità amministrativa dell’impresa, con conseguente integrazione ed estensione dell’articolo 25-undecies del D.Lgs. n. 231/2001. Sul tema è sicuramente utile analizzare una proposta per un metodo di consulenza tecnico-ambientale finalizzato a individuare, in funzione delle caratteristiche aziendali specifiche, i contesti sensibili alla commissione di questi nuovi reati ambientali; questa procedura di valutazione, peraltro, è integrabile con i sistemi di gestione ambientale certificati, a loro volta preliminari all’implementazione di un modello organizzativo esimente.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here