Sistri: abolizione confermata dal 1° gennaio 2019

Sistri
La misura è prevista nell’art 23 dello schema di “decreto legge recante misure urgenti in materia di semplificazione e sostegno allo sviluppo”

Colpo di spugna sul Sistri: confermata l'abolizione a partire dal 1° gennaio 2019 tramite il cosiddetto "decreto semplificazioni".

La conferma arriva da una nota di Anie-Confindustria (la federazione nazionale delle imprese elettrotecniche ed elettriche) che, tramite il proprio direttore generale Maria Antonietta Portaluri, ha espresso l'apprezzamento delle imprese associate per «la determinazione del Governo e del Ministro dell’Ambiente Costa a staccare la spina a uno strumento lodevole negli intenti ma assolutamente inefficace».

Attraverso l’ art 23 dello schema di “decreto legge recante misure urgenti in materia di semplificazione e sostegno allo sviluppo" [1] Nello stesso decreto legge sono presenti altre misure ambientali riguardanti end of waste e Aia. Approfondimenti sui prossimi numeri di Ambiente&Sicurezza  , prosegue Anie, il Consiglio dei Ministri ha confermato l’abolizione del sistema di tracciabilità dei rifiuti, già a partire dal 1° gennaio 2019.

Box

VUOI ESSERE INFORMATO SU TUTTO QUANTO RIGUARDA L’AMBIENTE E LA SICUREZZA?

NORMATIVA COSTANTEMENTE AGGIORNATA

COMMENTI

APPROFONDIMENTI

RUBRICHE

ABBONATI AD AMBIENTE&SICUREZZA

Abolizione del Sistri

Va in archivio un sistema che fin dalla sua istituzione non ha mai portato al raggiungimento del tanto agognato obiettivo di sostituire il sistema di gestione cartaceo e permettere agli organi di controllo un più efficace monitoraggio dei flussi di rifiuti sul territorio nazionale.

“L’abrogazione del Sistri è un passo importante da parte del Governo, che ha raccolto il forte malcontento delle imprese, che da troppi anni denunciavano l’irragionevole mantenimento di un sistema macchinoso e malfunzionante, che anziché semplificare e agevolare le pratiche di smaltimento rifiuti si sovrapponeva alla gestione cartacea, non producendo altro effetto che l’incremento degli oneri burocratici, gestionali e ovviamente economici da parte delle imprese” ha concluso Portaluri.

Abolizione del Sistri

In base a quanto contenuto nella bozza del provvedimento, fino alla definizione di un nuovo sistema di tracciabilità, che sarà organizzato e gestito direttamente dal Ministero dell’Ambiente, i soggetti obbligati continueranno ad utilizzare gli adempimenti cartacei, compilando registri di carico e scarico e formulari di identificazione rifiuti.

Per altre informazioni sul Sistri, clicca qui.

Note   [ + ]

1. Nello stesso decreto legge sono presenti altre misure ambientali riguardanti end of waste e Aia. Approfondimenti sui prossimi numeri di Ambiente&Sicurezza 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome