Sui nuovi eco-delitti emanata la prima sentenza

La Cassazione si pronuncia per la prima volta su un presunto caso di inquinamento ambientale come inquadrato dall’art. 452-bis del codice penale, introdotto dalla legge n. 68/2015 sui cosiddetti “eco-reati”. Oltre a costituire un precedente, la sentenza della III sezione penale 21 settembre 2016, n. 46170, offre spunti interessanti sui requisiti della “significatività” e della “misurabilità” e sul concetto di abusività della condotta.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome