Valutazione del rischio chimico

La normativa vigente per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori ha quale pilastro la valutazione dei rischi, siano essi di natura infortunistica o sanitaria. La valutazione del rischio chimico, come genericamente denominato, è un processo articolato e complesso volto a determinare l’esposizione a sostanze pericolose. Il naturale punto di avvio di questa attività risiede nella conoscenza del processo lavorativo inteso non solo come sostanze in uso e relative caratteristiche di pericolosità, per la salute e la sicurezza, ma anche in termini quantitativi, di durata e frequenza delle operazioni, di modalità delle lavorazioni, di presenza di sistemi di ventilazione e/o di aspirazione, nonché delle sostanze generate durante le lavorazioni. Una volta “fotografata” la situazione di esposizione, il datore di lavoro, dopo aver attuato tutte le misure di prevenzione e protezione per lo specifico contesto, valuta il rischio esprimendosi sulla sua entità in termini di accettabilità. L'articolo analizza la norma tecnica En 482 per la valutazione del rischio chimico.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here