VIA: leggi il commento al nuovo decreto

Il decreto legislativo 16 giugno 2017, n. 104, di attuazione della direttiva 2014/52/Ue, ha rivisitato la parte II del testo unico ambientale

Il decreto legislativo 16 giugno 2017, n. 104, di attuazione della direttiva 2014/52/Ue, ha rivisitato la parte II del testo unico ambientale, introducendo modifiche e integrazioni. La finalità è sbloccare gli investimenti potenziali in opere, infrastrutture e impianti

Dal 21 luglio 2017 è entrato in vigore il decreto legislativo 16 giugno 2017, n. 104 «Attuazione della direttiva 2014/52/UE che modifica la direttiva 2011/92/UE concernente la valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati», redatto sulla base dei principi direttivi stabiliti dall’articolo 14 della legge di delegazione europea 2014. Decreto che - recita la relazione di accompagno - scaturisce dall’esigenza di «sbloccare il potenziale derivante dagli investimenti in opere, infrastrutture e impianti per rilanciare la crescita sostenibile, attraverso la correzione delle criticità riscontrate da amministrazioni e imprese in merito alla disciplina vigente», nonché di rivedere l’assetto delle competenze tra Stato e Regioni che «ha contribuito a generare […] criticità nella gestione dei procedimenti di valutazione di impatto ambientale».

Clicca qui per leggere il commento, articolo per articolo, al decreto legislativo 16 giugno 2017, n. 104 (accesso riservato agli abbonati).

Se non sei ancora abbonato, clicca qui per scoprire l'offerta più adatta alle tue esigenze professionali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here