Accordo di Parigi su clima e imprese

Il nuovo accordo globale volto a contrastare il cambiamento climatico, frutto della Cop 21 di Parigi ha posto il traguardo molto ambizioso di raggiungere una riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra a un livello tale da prevedere una crescita del riscaldamento climatico del pianeta «ben al di sotto dei +2°C rispetto all’epoca preindustriale». Dal canto suo, l’Unione europea si è prefissata l’obiettivo ambizioso di ridurre le emissioni di gas a effetto serra prodotte in tutti i settori economici di almeno il 40% entro il 2030, con un atto del Consiglio europeo dell’ottobre 2014 che prevedeva anche l’obiettivo di innalzare di almeno al 27% la quota di energie rinnovabili e di migliorare, almeno nella stessa misura, l’efficienza energetica. Traguardi così impegnativi non potranno essere perseguiti unicamente con politiche e normative vincolanti; pertanto, l’Unione europea ha previsto di finanziare la ricerca sulle tecnologie, la relativa applicazione su vasta scala e l’attuazione delle strategie locali più efficaci per contrastare il cambiamento climatico. Vediamo quali.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here