Dispositivi di protezione individuale (Dpi): scelta, uso e vigilanza

La filosofia che presiede alla scelta dei dispositivi individuali di protezione è intimamente connessa all’attività di valutazione dei rischi professionali esistenti sul luogo di lavoro; anche l'obbligo di aggiornamento della scelta dei Dpi, non è che una derivazione dell'obbligo più generale di rielaborazione della valutazione dei rischi, imposta dall'art. 29, comma 3 del D.Lgs. n. 81/2008. Parimenti, la definizione delle condizioni d'uso dei Dpi è strettamente correlata alla preliminare imprescindibile attività di valutazione dei rischi. Quanto al dovere di vigilanza, la giurisprudenza è univocamente orientata nel ritenere che il datore di lavoro ha l’obbligo di procedere a una continua e persistente vigilanza sull’operato dei propri dipendenti, allo scopo di prevenire gli infortuni sul lavoro, e di evitare che si verifichino condotte negligenti o imprudenti.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here