Esplosioni sui luoghi di lavoro: le norme Cei En 45544

Un’esplosione si verifica quando coesistono nello spazio e nel tempo un gas infiammabile o una polvere combustibile, l’aria, il cui ossigeno costituisce il comburente e una causa d’innesco. La sicurezza nei confronti del pericolo di esplosione si raggiunge quando la probabilità di coesistenza di combustibile, comburente e innesco è ridotta a valore accettabile. I luoghi vengono classificati individuando le zone pericolose e il corrispondente di rischio esplosione. Il rischio viene valutato e ridotto entro i limiti di accettabilità agendo sulle sorgenti di emissione, sull’ambiente e sull’innesco per tutte le possibili sorgenti di accensione. Storicamente questi temi sono stati inclusi tra quelli della normazione elettrica, anche se, escluse le sorgenti di innesco elettriche e gli eventuali impianti elettrici in questo contesto, di elettrico c’è ben poco. I risultati sono di interesse per tutti i settori.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here