Rinnovabili non fotovoltaiche: le novità su incentivi e controlli

Promuovere la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili diverse dal fotovoltaico in coerenza con il perseguimento degli obiettivi stabiliti nella strategia energetica nazionale, anche per procedere a un graduale adattamento alle linee guida in materia di aiuti di stato per l’energia e l’ambiente; regolare l’accesso agli incentivi sia per impianti nuovi che per impianti integralmente ricostruiti, riattivati, oggetto di interventi di potenziamento o di rifacimento. Questi, in estrema sintesi, gli obiettivi del decreto del ministero dello Sviluppo economico 23 giugno 2016, che interviene anche sulla questione dell’ “artato frazionamento”.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente e Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente e Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO