Mog salute e sicurezza, da obbligo a opportunità

In caso di condanna per infortunio grave o mortale (articoli 589 e 590, codice penale), alla responsabilità penale delle persone fisiche su cui gravano gli obblighi prevenzionistici (datore di lavoro, dirigenti e preposti in primis) si può venire ad aggiungere una responsabilità amministrativa della società stessa ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. n. 231/2001. La disposizione di cui all’articolo 25-septies, D.Lgs. n. 231/2001, ha appesantito fortemente l’apparato sanzionatorio in materia di sicurezza e tutela della salute dei lavoratori, in considerazione delle elevate sanzioni amministrative che sono applicate, congiuntamente con le sanzioni interdittive. Tuttavia, questa previsione ha chiarito definitivamente l’intima connessione tra le materie della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche e la salute e sicurezza sul lavoro, entrambe connotate dalla rilevanza e dall’importanza della capacità delle imprese di dotarsi di una organizzazione efficace a fini di prevenzione di determinati reati.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here