Rifiuti, il passaggio da tassa a tariffa tra ritardi e casi di studio

Il tema del passaggio dalla tassa alla tariffa puntuale sui rifiuti è un impegno ormai improrogabile per le amministrazioni locali che esige tempi certi e progetti reali. Occorre mettere in atto strumenti, che già esistono, per la misurazione e la tariffazione puntuale nel campo dei rifiuti con lo scopo di fornire ai privati e alle imprese un regime fiscale “equo” al posto di una tassa che non tiene assolutamente conto di quanti rifiuti vengono prodotti e di quali e quanti servizi vengono erogati. L’analisi di uno studio condotto su oltre 10 anni di misurazione puntuale e su oltre 10 milioni di conferimenti monitorati mostra non solo come il passaggio sia possibile, ma anche come sia in grado di generare i benefici attesi.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here