L’estinzione dei reati ambientali: molti problemi ancora da risolvere

Il meccanismo estintivo introdotto dalla legge n. 68/21015 alla parte sesta-bis del D.Lgs. n. 152/2006, benché innovativo nell’ambito della normativa penale ambientale, non è di per sé nuovo, in quanto già noto nell’ambito della disciplina sulla sicurezza e sull’igiene sul lavoro. Al di là delle analogie, non mancano comunque gli aspetti peculiari come l’applicabilità alle contravvenzioni punite con la sola pena dell’arresto ovvero con pena congiunta, ma anche la disposizione transitoria di cui all’art. 318-octies, D.Lgs. n. 152/2006, che esclude l’applicazione del nuovo dispositivo di legge ai procedimenti in corso alla data di entrata in vigore della nuova parte sesta-bis.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here