Acque, in vigore il nuovo decreto sulle sostanze prioritarie

L’inquinamento chimico delle acque superficiali rappresenta una minaccia per l’ambiente acquatico, con effetti quali la tossicità acuta e cronica negli organismi acquatici, l’accumulo di inquinanti negli ecosistemi e la perdita di habitat e di biodiversità, ma anche per la salute umana. Sulla Gazzetta Ufficiale n. 250 del 27 ottobre, è stato pubblicato il D.Lgs. 13 ottobre 2015, n. 172, in materia di politica delle acque, attuativo della direttiva 2013/39/Ue, che ha modificato la “direttiva madre” 2000/60/Ce, per quanto riguarda le sostanze prioritarie nel settore della politica delle acque. Il nuovo provvedimento sarà vigente dall’11 novembre 2015. Nell'articolo le modifiche apportate dal decreto.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome