Bonifiche: le novità dallo sblocca Italia

Il cosidetto decreto sblocca Italia ha apportato modifiche al Codice dei contratti pubblici, anche nella parte dedicata alla bonifica e alla messa in sicurezza dei siti contaminati

Modificate - in termini di semplificazione - le procedure per l’affidamento delle attività di bonifica e messa in sicurezza dei siti contaminati. Le novità sono scaturite dal cosiddetto decreto sblocca Italia (D.L. 133/2014, convertito nella legge n. 164/2014), che ha a sua volta modificato il Codice dei contratti pubblici d’appalto. E già da questo si comprende che la nuova disciplina interessa esclusivamente le attività della Pubblica amministrazione in quanto sostituto del responsabile (privato) della contaminazione o degli altri soggetti (privati) interessati.

In sintesi, ecco alcune delle novità:

 

  • i controlli sul possesso dei requisiti eventualmente richiesti nel bando di gara;
  • l’impossibilità, da parte di un concorrente (singolo, consorziato o raggruppato) di servirsi di un altro soggetto per soddisfare i requisiti dell’iscrizione all’Albo nazionale dei gestori ambientali;
  • i casi urgenti di intervento, per i quali è prevista una procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando di gara;
  • la possibilità di stabilire termini abbreviati di ricezione delle domande di partecipazione e delle offerte;
  • le varianti in corso d’opera, che sono ammesse, ma escluse nel caso in cui la variante preveda un intervento il cui valore non superi il 10% del valore del contratto;
  • l’obbligo di pubblicare sul sito internet dell’ente o dell’autorità interessati il curriculum e la l’ultima visura camerale del soggetto affidatario.

 

Per saperne di più si rimanda all’articolo di Alessandro Kiniger e Luca Montemezzo (B&P Avvocati), pubblicato su Ambiente&Sicurezza n. 2/2015 (pagg. 50, 51, 52, 53, 54, 55).

Per un ulteriore approfondimento, vedi anche "Conversione sblocca Italia: più novità che conferme su TRS, rifiuti e bonifiche", di Federico Peres, su Ambiente&Sicurezza 23/2014 /(pagg. 60, 61, 62, 63, 64)

 

Ti è piaciuto questo articolo? Per abbonarti alla rivista, clicca qui: Abbonamenti on line

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here