Caso Eternit, dolo prescritto ecco le motivazioni della Corte

La videnda giudiziaria è arrivata a un epilogo, almeno il primo. Lo scorso 23 febbraio, infatti, sono state depositate le motivazioni della sentenza della Corte di Cassazione penale del 19 novembre 2014, che come si ricorderà alla lettura del dispositivo aveva suscitato forti clamori in quanto la Suprema Corte ha dichiarato inaspettatamente la prescrizione del reato di “disastro doloso” a carico dell’amministratore delegato della multinazionale (art. 434 del Codice penale) in relazione alle numerosi morti e le malattie per amianto, annullando così senza rinvio la sentenza della Corte d’Appello di Torino 3 giugno 2013, n. 5621/2012.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome