Delitti contro l’ambiente: quale relazione tra dolo e colpa?

Tra i punti in evidenza della legge n. 68/2015 sui reati ambientali c’è anche il fatto che alcune delle condotte che oggi vengono qualificate dalle nuove fattispecie espressive di “abusività” possono avere natura volontaria, considerando che numerosi contravvenzioni ambientali riguardano comportamenti che, almeno in parte, sono rappresentati da una condotta di tipo commissivo. Una delle conseguenze è che non sarà semplice provare, specie all’interno della gestione di attività imprenditoriali, un dolo diretto rispetto alla condotta del soggetto che «cagiona una compromissione o un deterioramento significativi e misurabili» (art. 452-bis, c.p.) dall’evento “disastro ambientale” di cui all’art. 452-quater del codice penale.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome