Diagnosi energetica in impresa, i chiarimenti ministeriali

Individuazione dell’impresa ai fini della verifica dell’obbligo di audit; definizione di sito produttivo e imprese multi-sito; individuazione dei soggetti che eseguono la diagnosi energetica e delle modalità tecniche per eseguire le diagnosi; termine per eseguire la diagnosi, comunicazione dei risultati e altri adempimenti; sanzioni; comunicazione dei risparmi ai sensi dell’articolo 7, comma 8, D.Lgs. n. 102/2014. Questi i temi sui quali è intervenuto il Ministero per lo sviluppo economico, in collaborazione ENEA, nella circolare 19 maggio 2015, per rispondere alle domande più frequenti degli operatori in materia di diagnosi energetica, in conformità con le disposizioni introdotte dall’articolo 8, decreto legislativo 4 luglio 2014, n. 102.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here