IED: sulla relazione di riferimento indicazioni e tempistiche con il D.M. n. 272/2014

A breve distanza dalla pubblicazione del D.Lgs. n. 46/2014, di recepimento della direttiva 2010/75/UE (cosiddetta “direttiva IED”), era stata emanata la comunicazione della Commissione europea 2014/C 136/01, recante «Linee guida della Commissione europea sulle relazioni di riferimento». Tuttavia, il legislatore italiano ha preferito affidare al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare il compito di stabilire, con uno o più decreti, le modalità per la redazione della relazione di riferimento; l’esito dell’iter è stato il D.M. 13 novembre 2014, n. 272, che, al di là delle istruzioni operative, pone tutta una serie di dubbi interpretativi, a partire dalla data entrata in vigore, visto che il provvedimento non è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ma solo sul sito web del Ministero e “annunciato” da un comunicato ufficiale dello stesso dicastero.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome