Aua: il nuovo modello unico

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto del Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della funzione pubblica 8 maggio 2015, è entrato ufficialmente in vigore il nuovo modello unificato nazionale per la richiesta di autorizzazione unica ambientale (AUA), che sostituisce i sette moduli relativi alle altrettante autorizzazioni rimpiazzate dall’AUA: scarichi di acque reflue; utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento, delle acque di vegetazione dei frantoi oleari e delle acque reflue; emissioni in atmosfera degli stabilimenti; emissioni in atmosfera di impianti ed attività in deroga; impatto acustico degli impianti; utilizzo dei fanghi derivanti dal processo di depurazione in agricoltura; attività di recupero di rifiuti non pericolosi; attività di recupero di rifiuti pericolosi. A questa prima sintetica analisi, faranno seguito ulteriori approfondimenti sui prossimi numeri di Ambiente&Sicurezza.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here