L’abbigliamento protettivo può salvare la vita

Nel mondo milioni di persone mettono a rischio la propria salute sul luogo di lavoro. Secondo le stime dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) ogni giorno nel mondo 6000 persone muoiono a causa di infortuni o malattie professionali. Per focalizzare l’attenzione su questo tema, l’Organizzazione Internazionale del Lavoro ha istituito la “Giornata mondiale per la salute e la si-curezza sul lavoro” che sarà celebrata per la quindicesima volta il 28 aprile 2017.

La legge sulla sicurezza del lavoro: una conquista

I pericoli sul luogo di lavoro sono molteplici: acidi, calore, fiamme e scintille, corrente elettrica, cariche statiche e sollecitazioni meccaniche. Ma anche lo stress psichico – scatenato dalla fretta o dalla paura di perdere il posto di lavoro – è un fattore di rischio che riveste sempre maggiore importanza. La tutela del lavoro in Italia ha radici piuttosto antiche: già a metà degli anni '50 era stato introdotto un "corpus normativo precauzionale", poi integrato nel tempo con il D.Lgs. n. 626/1994 e sostituito definitivamente dal T.U. D.Lgs. n.  81/2008, tutte normative finalizzate alla tutela e al miglioramento della salute dei lavoratori.

Obbligo di legge: la valutazione dei rischi

Secondo la legge sulla sicurezza del lavoro, tutti i pericoli esistenti all’interno di un’azienda devono essere analizzati e documentati nella valutazione dei rischi. Per ogni rischio registrato devono essere indicate misure adeguate a ridurre o eliminare il rischio. Le misure sono suddivise in tre categorie:

  • misure di sicurezza tecniche (ad esempio sportelli di protezione sui macchinari);
  • misure di sicurezza organizzative (ad esempio formazione dei dipendenti);
  • misure individuali (ad esempio abbigliamento protettivo).

L’approccio corretto in materia di abbigliamento protettivo

L’abbigliamento protettivo può tutelare la salute e persino salvare la vita. Per questo è assolutamente necessario che siano considerati questi aspetti:

  • l’abbigliamento protettivo deve essere specificatamente progettato per i rischi presenti sul luogo di lavoro;
  • i dipendenti devono essere informati sul proprio abbigliamento protettivo e devono indossarlo/utilizzarlo in modo corretto;
  • l’abbigliamento protettivo deve essere lavato e conservato secondo la normativa vigente;
  • qualsiasi modifica apportata all’abbigliamento protettivo deve essere eseguita in conformità alla normativa vigente.

Dove si può trovare assistenza?

Dato che il tema “abbigliamento protettivo” è molto complesso e dispendioso, è consigliabile ricorrere all’assistenza di consulenti, come i tecnici per la sicurezza sul luogo di lavoro o gli esperti in prevenzione delle associazioni di categoria. I fornitori di servizi tessili aiutano nella scelta e nella cura dell’abbigliamento protettivo adatto. “Offriamo consulenza e test di prova per indossare i capi prima dell'utilizzo”, spiega Silvia Mertens, ingegnere specializzato in abbigliamento tecnico e consulente tecnico per l’abbigliamento protettivo presso MEWA, fornitore di servizi tessili di Wiesbaden. “Con il nostro sistema di servizi– lavaggio, manutenzione e sostituzione dell’abbigliamento protettivo – aiutiamo a garantire la conformità alle norme UE e DIN, per la protezione dei dipendenti e lo snellimento delle procedure aziendali”.

Per saperne di più: https://www.mewa.it/servizio/sistema-di-servizi/abbigliamento-protettivo-da-lavoro/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here