Legislazione sui rifiuti e dovere di informarsi: obbligatorio chiedere chiarimenti

Rifiuti
Il gestore potrà invocare a propria scusante l’ignoranza incolpevole dei precetti solo quando dimostrerà di aver fatto tutto il possibile per documentarsi in modo adeguato, anche richiedendo chiarimenti alle autorità competenti o a consulenti giuridici esperti nel settore

Tempi duri per il soggetto che svolge professionalmente attività di gestione rifiuti al quale sia contestato il reato di violazione dei precetti legislativi. Costui, infatti, potrà invocare, a propria scusante, l’avere ignorato incolpevolmente la legge penale solo se sarà in grado di dimostrare di aver fatto tutto il possibile per informarsi in modo adeguato, compreso l'aver richiesto chiarimenti alle autorità competenti o a consulenti  giuridici esperti nel settore.
È il contenuto della recente sentenza della corte di Cassazione penale, sezione terza, 18 gennaio 2017, n. 2246, commentata qui in esclusiva per gli abbonati ad Ambiente&Sicurezza.

Non sei abbonato? Approfitta delle numerose offerte in corso: https://shop.newbusinessmedia.it/collections/riviste/products/ambiente-e-sicurezza

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here