Nuovo codice appalti e acquisti verdi

Con il duplice scopo di semplificare il testo e snellire le procedure, è stato pubblicato il decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, nuovo codice appalti che rivede il complesso delle procedure di acquisizione di beni, servizi e lavori della pubblica amministrazione italiana e abroga lo storico codice ex D.Lgs. n. 163/2006. Non esente da quest’opera di riforma è la disciplina degli appalti pubblici “verdi” (cosiddetto green public procurement – Gpp), con particolare riguardo all’offerta economicamente più vantaggiosa, ai criteri ambientali minimi (CAM) e all’obbligo di considerare i costi lungo l’intero ciclo di vita di prodotti, lavori e servizi (life cycle cost – lcc).

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome