Qualifica di rifiuto: condizione irreversibile?

Una volta acquisita la qualità di “rifiuto” in base a elementi positivi (il fatto che si tratti di un residuo di produzione di cui il detentore vuole disfarsi) e negativi (che non abbia i requisiti del sottoprodotto), la stessa non viene meno in ragione di un accordo di cessione a terzi, né del valore economico dei beni stessi riconosciuto nel medesimo accordo.

Registrati

Registrati per accedere ai contenuti riservati

Registrati qui!

Sei già registrato? Accedi per sbloccare i contenuti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome