Raccolta differenziata di rifiuti, calcoli omogenei per incentivarla

Anche sulla scorta di quanto disposto dalla legge n. 221/2015 in merito alle misure per incrementare la raccolta differenziata, basate fondamentalmente sull’aumento della “ecotassa” per il conferimento in discarica o in impianti di incenerimento senza recupero energetico dei rifiuti urbani e assimilabili a carico dei comuni che non hanno raggiunto gli obbiettivi fissati per legge e sulla riduzione del tributo per le municipalità virtuose, è stato emanato il D.M. 26 maggio 2016, «Linee guida per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani». Resta ferma la facoltà prevista per regioni e province di Trento e di Bolzano di definire il proprio metodo standard per calcolare e verificare le percentuali di raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani e assimilati raggiunte in ogni comune sulla base delle linee guida nazionali.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here