Riaggiornato il sovracanone per la produzione di energia idroelettrica

La misura interessa il periodo che va dal 2 febbraio 2016 al 31 dicembre 2017

Riaggiornato il sovracanone per la produzione di energia idroelettrica relativamente al periodo 2 febbraio 2016 - 31  dicembre  2017  del  biennio  1º gennaio 2016 - 31 dicembre 2017, per effetto della pubblicazione del decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 20 gennaio 2016, sulla Gazzetta Ufficiale del 12 febbraio 2016, n. 35.

Di seguito il testo integrale del decreto, disponibile anche in pdf alla fine della pagina.

 

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 20 gennaio 2016 

Determinazione  della  misura  del   sovracanone   BIM   dovuto   dai
concessionari di derivazioni d'acqua per produzione di forza  motrice
per il periodo 2 febbraio 2016 - 31  dicembre  2017  del  biennio  1º
gennaio 2016 - 31 dicembre 2017. (16A00942)

in Gazzetta Ufficiale del 12 febbraio 2016, n. 35
                        IL DIRETTORE GENERALE
          per la salvaguardia del territorio e delle acque

  Visto l'art. 1 della legge 22 dicembre 1980 n. 925 con il quale  la
misura del sovracanone annuo, dovuto a norma della legge 27  dicembre
1953  n.  959  e  successive  modificazioni,  dai  concessionari   di
derivazione per produzione di forza  motrice,  con  potenza  nominale
media superiore a kW 220 e' stata rivalutata a L. 4.500 per  ogni  kW
nominale a decorrere dal 1° gennaio 1980;
  Visto l'art. 3 della stessa legge con il quale viene  demandato  al
Ministero dei LL.PP. il  compito  di  provvedere  ogni  biennio,  con
decorrenza 1° gennaio 1982, alla variazione della misura del suddetto
sovracanone sulla base dei  dati  Istat  relativi  all'andamento  del
costo della vita;
  Visto   il decreto   legislativo 3   febbraio    1993,    n.    29:
"Razionalizzazione    dell'organizzazione    delle    amministrazioni
pubbliche  e  revisione  della  disciplina  in  materia  di  pubblico
impiego, a norma dell'art. 2 della legge 23 ottobre 1992, n. 421";
  Visto l'art. 6 del Testo Unico delle disposizioni  di  legge  sulle
acque ed impianti elettrici, approvato con R.D. 11 dicembre 1933,  n.
1775, cosi' come sostituito  dall'art.  1  del decreto legislativo n.
275 del 12 luglio 1993 "Riordino in materia di concessione  di  acque
pubbliche", che, al  comma  2,  definisce  "grandi"  derivazioni  per
produzione di forza motrice quelle che eccedono il limite di  potenza
nominale media annua pari a kW 3000;
  Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20;
  Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 80;
  Visti i seguenti decreti ministeriali:
  24 novembre 1981 n. 1488; 24 novembre 1983  n.  2561;  19  novembre
1985 n. 1691; 13 novembre 1987 n. 1554; 24 novembre 1989 n. 1734;  25
novembre 1991 n. 44; 10 novembre 1993 n. 287;  28  novembre  1995  n.
131; 28 novembre 1997 n. 241; 21 dicembre 1999 n. 13891 con  i  quali
la misura del  sovracanone  annuo  dovuto  a  norma  della  legge  27
dicembre 1953 n. 959 e' stata rivalutata per il biennio:
  1.1.1982 - 31.12.1983 in L. 6.052;
  1.1.1984 - 31.12.1985 in L. 8.031;
  1.1.1986 - 31.12.1987 in L. 9.500;
  1.1.1988 - 31.12.1989 in L. 10.516;
  1.1.1990 - 31.12.1991 in L. 11.767;
  1.1.1992 - 31.12.1993 in L. 13.261;
  1.1.1994 - 31.12.1995 in L. 14.521;
  1.1.1996 - 31.12.1997 in L. 15.944;
  1.1.1998 - 31.12.1999 in L. 16.677;
  1.1.2000 - 31.12.2001 in L. 17.261;
  per ogni kW di potenza nominale media concessa  o  riconosciuta  ai
sensi del T.U. 11 dicembre 1933 n. 1775;
  Visto l'art. 27, comma 10, della legge 28 dicembre  2001,  n.  448,
con il quale, a decorrere dal 1° gennaio 2002, la base di calcolo del
sovracanone prevista dall'articolo 1 della legge 22 dicembre 1980, n.
925, viene fissata in  euro  13,00  annui  per  ogni  kW  di  potenza
nominale media, da aggiornarsi con cadenza biennale,  come  stabilito
dall'art. 3 della citata legge 22 dicembre 1980, n. 925,  sulla  base
di successivi decreti;
  Visto l'art. 31, comma 10, della legge 27 novembre  2002,  n.  289,
con il quale, a decorrere dal 1° gennaio 2003, la base di calcolo del
sovracanone di cui all'art. 27, comma 10, della sopracitata legge  28
dicembre 2001, n. 448, e' fissata in euro 18,00;
  Visto il decreto ministeriale 9 febbraio 2004, n. 001, con il quale
e' stata determinata, ai sensi dell'art. 3 della  legge  22  dicembre
1980 n. 925,  la  misura  del  sovracanone  oggetto  della  legge  27
dicembre 1953 n. 959, per il biennio 1° gennaio 2004  -  31  dicembre
2005 pari ad € 18,90 per ogni kW di potenza nominale media concessa o
riconosciuta ai sensi del T.U. 11 dicembre 1933 n. 1775;
  Visto il decreto ministeriale 30 novembre 2005 n.  004/Qdv  con  il
quale e' stata determinata, ai  sensi  dell'art.  3  della  legge  22
dicembre 1980 n. 925, la misura del sovracanone oggetto  della  legge
27 dicembre 1953 n. 959, per il biennio 1° gennaio 2006 - 31 dicembre
2007 pari ad € 19,62 per ogni kW di potenza nominale media concessa o
riconosciuta ai sensi del T.U. 11 dicembre 1933 n. 1775;
  Visto il decreto ministeriale 27 novembre 2007 n.  008/Qdv  con  il
quale  e'  stata  determinata,  ai  sensi  dell'art.  3  della  legge
22.12.1980 n. 925, la misura  del  sovracanone  oggetto  della  legge
27.12.1953 n. 959, per il biennio 1° gennaio 2008 - 31 dicembre  2009
pari ad € 20,35 per ogni kW di  potenza  nominale  media  concessa  o
riconosciuta ai sensi del T.U. 11 dicembre 1933 n. 1775;
  Visto il decreto ministeriale 25 novembre 2009 n.  012/Qdv  con  il
quale e' stata determinata, ai  sensi  dell'art.  3  della  legge  22
dicembre 1980 n. 925, la misura del sovracanone oggetto  della  legge
27 dicembre 1953 n. 959, per il biennio 1° gennaio 2010 - 31 dicembre
2011 pari ad € 21,08 per ogni kW di potenza nominale media concessa o
riconosciuta ai sensi del T.U. 11 dicembre 1933 n. 1775;
  Visto l'art. 15, comma 6, della legge 30 luglio 2010 n. 122, con la
quale, a decorrere dal 1°  gennaio  2010,  le  basi  di  calcolo  dei
sovracanoni previsti agli articoli 1 e 2 della legge 22 dicembre 1980
n. 925 per le concessioni di grande  derivazione  di  acqua  per  uso
idroelettrico, sono fissate rispettivamente  in  28,00  euro  e  7,00
euro, fermo restando per gli anni a seguire l'aggiornamento  biennale
previsto dall'art. 3 della medesima legge n. 925 del 1980, alle  date
dalla stessa previste;
  Visto il decreto ministeriale 30 novembre  2011  n.  002/TRI/DI/BIM
con il quale e' stata elevata, ai sensi dell'art. 3  della  legge  22
dicembre 1980 n. 925, la misura del sovracanone annuo  oggetto  della
legge 27 dicembre 1953 n. 959, per il biennio 1° gennaio  2012  -  31
dicembre 2013 dovuta dai concessionari  di  derivazioni  d'acqua  per
produzione di forza motrice con potenza nominale media superiore a kW
220 e fino a 3000 kW, aggiornandola ad € 22,13 per ogni kW di potenza
nominale media concessa o riconosciuta ai sensi del Testo Unico delle
disposizioni  di  legge  sulle  acque  e  sugli  impianti   elettrici
approvato con R.D. 11 dicembre 1933 n. 1775; mentre  per  quelli  con
potenza nominale media superiore  a  3000kW  detta  misura  e'  stata
aggiornata ad € 29,40 per ogni kW di potenza nominale media  concessa
o riconosciuta ai sensi del Testo Unico delle disposizioni  di  legge
sulle acque e sugli impianti elettrici approvato con R.D. 11 dicembre
1933 n. 1775.
  Visto il decreto ministeriale 22 novembre  2013  n.  003/TRI/DI/BIM
con il quale e' stata elevata, ai sensi dell'art. 3  della  legge  22
dicembre 1980 n. 925, la misura del sovracanone annuo  oggetto  della
legge 27 dicembre 1953 n. 959, per il biennio 1° gennaio  2014  -  31
dicembre 2015 dovuta dai concessionari  di  derivazioni  d'acqua  per
produzione di forza motrice con potenza nominale media superiore a kW
220 e fino a 3000 kW, aggiornandola ad € 22,88 per ogni kW di potenza
nominale media concessa o riconosciuta ai sensi del Testo Unico delle
disposizioni  di  legge  sulle  acque  e  sugli  impianti   elettrici
approvato con R.D. 11 dicembre 1933 n. 1775; mentre  per  quelli  con
potenza nominale media superiore  a  3000kW  detta  misura  e'  stata
aggiornata ad € 30,40 per ogni kW di potenza nominale media  concessa
o riconosciuta ai sensi del Testo. Unico delle disposizioni di  legge
sulle acque e sugli impianti elettrici approvato con R.D. 11 dicembre
1933 n. 1775;
  Vista la nota in data  18  novembre  2015  n.  20047  dell'Istituto
centrale di statistica con  la  quale  e'  stato  comunicato  che  la
variazione percentuale,  verificatasi  negli  indici  dei  prezzi  al
consumo per le famiglie di operai ed impiegati, senza tabacchi  (gia'
indici del costo della vita), nel periodo di ottobre 2013  -  ottobre
2015, e' stata pari al + 0,1 % ;
  Visto il decreto ministeriale n. 559 del 1° dicembre  2015  con  il
quale e' stata elevata, ai sensi dell'art. 3 della legge 22  dicembre
1980 n. 925, la misura del sovracanone annuo oggetto della  legge  27
dicembre 1953 n. 959, per il biennio 1° gennaio 2016  -  31  dicembre
2017 dovuta dai concessionari di derivazioni d'acqua  per  produzione
di forza motrice con potenza nominale media superiore a kW 220 e fino
a 3000 kW, aggiornandola ad 22,90 per ogni  kW  di  potenza  nominale
media  concessa  o  riconosciuta  ai  sensi  del  Testo  Unico  delle
disposizioni  di  legge  sulle  acque  e  sugli  impianti   elettrici
approvato con R.D. 11 dicembre 1933 n. 1775; mentre  per  quelli  con
potenza nominale media superiore  a  3000kW  detta  misura  e'  stata
aggiornata ad € 30,43 per ogni kW di potenza nominale media  concessa
o riconosciuta ai sensi del Testo Unico delle disposizioni  di  legge
sulle acque e sugli impianti elettrici approvato con R.D. 11 dicembre
1933 n. 1775;
  Visto l'art. 62, comma 1, della legge 28  dicembre  2015,  n.  221,
pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 13 - Serie  generale,  del  18
gennaio 2016, che dispone che il sovracanone di  cui  alla  legge  27
dicembre 1953, n. 959 e alla legge  22  dicembre  1980,  n.  925,  si
intende dovuto per gli impianti con potenza nominale media  superiore
a 220  kW,  nella  misura  prevista  per  le  concessioni  di  grande
derivazione idroelettrica;
  Considerato che, a far data dall'entrata  in  vigore  della  citata
disposizione introdotta dalla legge 28  dicembre  2015,  n.  221,  la
misura  del  sovracanone  dovuta  dai  concessionari  di  derivazioni
d'acqua per produzione di  forza  motrice  si  articola  su  un'unica
fascia, che comprende tutti gli impianti di  potenza  nominale  media
superiore a kW 220, ai quali si applica  un  importo  pari  a  quello
attualmente  applicato  alle  concessioni   di   grande   derivazione
idroelettrica, mentre, per il periodo compreso tra il 1 gennaio  2016
e l'entrata in vigore  della  suddetta  disposizione,  continuano  ad
applicarsi  gli  importi,  articolati  su  due  fasce   di   potenza,
individuati con il citato decreto ministeriale n. 559 del 1° dicembre
2015;

                              Decreta:

                               Art. 1
  La misura del sovracanone annuo di cui all'art. 1  della  legge  22
dicembre 1980 n. 925, dovuto a norma della legge 27 dicembre 1953  n.
959 e successive modificazioni ed integrazioni, dai concessionari  di
derivazioni d'acqua per  produzione  di  forza  motrice  con  potenza
nominale media superiore a 220  kW,  e'  fissata  per  il  periodo  2
febbraio 2016 - 31 dicembre 2017 in € 30,43 per ogni  kW  di  potenza
nominale media concessa o riconosciuta ai sensi del Testo Unico delle
disposizioni  di  legge  sulle  acque  e  sugli  impianti  elettrici,
approvato con regio decreto 11 dicembre 1933  n.  1775  e  successive
modificazioni ed integrazioni.

Allegati

D.M. 20 gennaio 2016
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here