Rifiuti: novità in arrivo su gestione, discariche e imballaggi

RIfiuti
Tra i principi ispiratori delle direttive nn. 850-851-852/2018 anche l'economia circolare. Il termine ultimo per il recepimento da parte degli Stati membri è il 5 luglio 2020

In materia di rifiuti, sulla G.U.C.E. L del 14 giugno 2018, n. 150 sono state pubblicate quattro direttive:

  • «direttiva (Ue) 2018/849 del Parlamento europeo e del Consiglio del 30 maggio 2018 che modifica le direttive 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori uso, 2006/66/CE relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e accumulatori e 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche»;
  • «direttiva (Ue) 2018/850 del Parlamento europeo e del Consiglio del 30 maggio 2018 che modifica la direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti»;
  • «direttiva (Ue) 2018/851 del Parlamento europeo e del Consiglio del 30 maggio 2018 che modifica la direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti»;
  • «direttiva (Ue) 2018/852 del Parlamento europeo e del Consiglio del 30 maggio 2018 che modifica la direttiva 94/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio»

Le direttive muovono dal presupposto che «la gestione dei rifiuti nell’Unione dovrebbe essere migliorata per salvaguardare, tutelare e migliorare la qualità dell’ambiente, proteggere la salute umana, garantire un utilizzo accorto, efficiente e razionale delle risorse naturali, promuovere i principi dell’economia circolare, incrementare l’efficienza energetica e ridurre la dipendenza dell’Unione dalle risorse importate».

Entrando poi nel dettaglio:

  • la direttiva n. 2018/850 punta a garantire una progressiva riduzione del collocamento in discarca dei rifiuti, in particolare quelli idonei al riciclaggio o al recupero di altro tipo, e prevedere, mediante rigidi requisiti operativi e tecnici per i rifiuti e le discariche, misure, procedure e orientamenti volti a prevenire o a ridurre il più possibile le ripercussioni negative sull’ambiente. Scopo finale è sostenere la transizione dell’Unione verso un’economia circolare e adempiere i requisiti della direttiva 2008/98/Ce;
  • la direttiva n. 2018/851 stabilisce misure volte a proteggere l’ambiente e la salute umana evitando o riducendo la produzione di rifiuti, gli effetti negativi della produzione e della gestione dei rifiuti, riducendo gli effetti generali dell’uso delle risorse e migliorandone l’efficienza, che costituiscono elementi fondamentali per il passaggio a un’economia circolare e per assicurare la competitività a lungo termine dell’Unione. In particolare, la direttiva interviene su diverse tipologie di rifiuti, come ad esempio gli urbani e gli organici;
  • la direttiva n. 2018/852 prevede misure intese, in via prioritaria, a prevenire la produzione di rifiuti di imballaggio, a cui si affiancano, come ulteriori principi fondamentali, il riutilizzo degli imballaggi, il riciclaggio e altre forme di recupero dei rifiuti di imballaggio e, quindi, la riduzione dello smaltimento finale di tali rifiuti, allo scopo di contribuire alla transizione verso un’economia circolare.

Termine ultimo per il recepimento delle quattro direttive da parte degli Stati membri è il 5 luglio 2020.

In allegato i testi delle quattro direttive.

Approfondimenti a seguire su Ambiente&Sicurezza e, in anteprima, sulla Banca Dati on-line degli articoli di A&S.

Allegati

Direttiva n. 2018/849 (veicoli, pile e Raee)
Direttiva n. 2018/850 (discariche)
Direttiva n. 2018/851 (gestione rifiuti)
Direttiva n. 2018/852 (imballaggi)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome