Vigili del fuoco e sicurezza? Prevenzione irrinunciabile anche per loro

La sentenza della Cassazione n. 28883 del 3 luglio 2019 fa chiarezza su un tema delicato

Vigili del fuoco e sicurezza. Essere lavoratori che operano nel corpo dei Vvf, nelle forze amate, di polizia o di soccorso non significa dover rinunciare ai criteri di prevenzione. È quanto afferma la suprema Corte sottolineando - con la sentenza n. 28883 del 3 luglio 2019 - che è illegittimo, anche in questi ambiti “speciali”, ridurre o addirittura azzerare le garanzie previste dalla normativa in materia, a partire dal D.Lgs. n. 81/2008.

Sei già abbonato ad Ambiente&Sicurezza? Basta un click!

Vigili del fuoco e sicurezza: un equivoco da chiarire

A questo proposito è opportuno ricordare che nel nostro ordinamento non sono rari i casi dove le disposizioni legislative lasciano spazio alla libera interpretazione. Questo fenomeno, tipico nell’applicazione del testo unico della sicurezza, comporta inevitabilmente una errata applicazione delle norme, con ripercussioni a volte anche molto gravi. Per questa ragione è fondamentale ricorrere anche alla lettura delle sentenze pronunciate dalla suprema Corte di Cassazione la quale, ricordiamo, oltre a emettere sentenze di terzo grado ha tra le sue funzioni quella di assicurare l'esatta osservanza e l'uniforme interpretazione della legge.

Vigili del fuoco e sicurezza: il caso

Affrontando il caso di un incidente occorso a un vigile del fuoco durante un'esercitazione, la suprema Corte sottolinea che la specificità delle forze di polizia e di soccorso può trarre in inganno, in quanto può indurre a intendere alcuni comparti lavorativi quali ambiti speciali, dove vi è la possibilità di omettere il rispetto delle norme di sicurezza. Ma ciò è illegittimo. Di fatto, un vigile del fuoco, un agente di polizia o un militare non è un lavoratore sottoposto senza motivo a un maggiore rischio solo perché appartiene a un determinato corpo. La Cassazione ci dice che la particolarità non può giustificare la sostanziale abrogazione di specifiche norme né l'azzeramento, o la riduzione delle garanzie riconosciute dalla legge a tutti i lavoratori, senza alcuna distinzione e con riguardo a tutti i luoghi di lavoro.

Vigili del fuoco e sicurezza: l'approfondimento

Per approfondire l'argomento, leggi il commento completo di Marco Albanese, esperto di sicurezza, pubblicato sulla Banca Dati di Ambiente&Sicurezza e di prossima pubblicazione sulla rivista.

In allegato, il testo integrale della pronuncia della Cassazione.

 

Allegati

LEGGI LA SENTENZA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome