Frazione organica dei rifiuti urbani

Ricognizione dell’offerta esistente e individuazione del fabbisogno residuo di impianti di recupero della frazione organica dei rifiuti urbani raccolta in maniera differenziata, articolato per regioni: questo lo scopo del D.P.C.M. 7 marzo 2016, emanato in attuazione dell’art. 35, comma 2, D.L. n. 133/2014 (“sblocca Italia”). Fin dalla prima lettura, tuttavia, non mancano i punti da chiarire, in primis il criterio in base al quale sia stato individuato il limite massimo del 10% per l’incremento della capacità degli impianti di trattamento dei rifiuti organici, come riportato nel testo del decreto. Presenti anche alcune incongruenze che potrebbero, di fatto, avere inficiato l’effettiva rappresentatività della ricognizione effettuata. Nell'articolo, le novità del D.P.C.M. 7 marzo 2016.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here