La Cassazione si pronuncia ancora a favore del datore di lavoro

Ancora una volta il delicato tema della formazione in materia di sicurezza sul lavoro è al centro dell’attenzione dei giudici di legittimità. Com’è noto, il dovere formativo rappresenta uno degli obblighi fondamentali del datore di lavoro, delineato nei suoi tratti essenziali dall’art. 2087 del Codice civile e che trova nell’art. 18, comma 1, lett. l) del D.Lgs. n. 81/2008, una sua prima specificazione. Secondo la Cassazione, però, quest’ultima norma non rientra tra quelle disposizioni precettive la cui violazione è presidiata da sanzione penale.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here