Delitti ambientali e D.Lgs. 231: problematiche applicative

Tra i temi più “caldi” introdotti dall’entrata in vigore delle legge n. 68/2015, soprattutto per le conseguenze in termini di responsabilità, c’è il rapporto tra le nuove disposizioni in tema di delitti ambientali e gli illeciti amministrativi delle persone giuridiche ex D.Lgs. n. 231/2001. Tanti gli spunti di riflessioni a partire dal non dare per scontato che le responsabilità 231si applichino solo ai delitti commessi dopo l’entrata in vigore della legge n. 68/2015, all’adozione di modelli utili per scongiurare il rischio di coinvolgimento dell’ente per una contestazione relativa ai nuovi reati presupposto fino all’importanza della valutazione del rischio e dell’analisi degli scostamenti dalle conformità.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here