Emissioni odorigene, niente sconti dalla Corte di Cassazione

Il reato di getto pericoloso di cose (articolo 674, codice penale) si configura anche nel caso di emissioni odorigene causate da un impianto munito di autorizzazione, anche se le emissioni in atmosfera rientrano nei valori limite (Cassazione penale, sezione III, n. 12019/2015). Con l’enunciazione di questo principio, la Corte di legittimità ha rigettato il ricorso proposto dal legale rappresentante di un’azienda di torrefazione di caffè contro la sentenza del Tribunale di Lucca che aveva condannato lo stesso alla pena di 200 euro di multa, per aver provocato emissioni in atmosfera che, sebbene conformi ai valori limite, producevano odori nauseabondi tali da molestare gravemente i residenti.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here