La tutela delle acque tra contaminanti, biota e Sqa

Tra gli scopi prioritari della direttiva 2013/39/UE rientra anche l’eliminazione delle «sostanze pericolose prioritarie» nell’ottica dell’avvicinamento a valori vicini a quelli di fondo naturale. Per conseguire questo obiettivo, il D.Lgs. n. 172/2015, di recepimento della direttiva, ha disposto alcune modifiche al D.Lgs. n. 152/2006. In particolare, le concentrazioni dei contaminati nel biota assumono un ruolo centrale nei criteri di valutazione della qualità delle acque e migliora la definizione del ruolo del monitoraggio dei sedimenti; inoltre, il nuovo decreto stabilisce di non considerare ai fini della valutazione dello stato chimico globale di un corpo idrico le sostanze per le quali le concentrazioni misurate sono inferiori al limite di quantificazione e il limite di quantificazione è superiore allo standard di qualità ambientale (Sqa)

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here