Nuova classificazione dei rifiuti, aspetti pratici per l’applicazione

Novità per l’elenco dei rifiuti e per la metodologia di classificazione dei rifiuti che tiene in considerazione la conformità al regolamento UE 1272/2008 (CLP); necessità di ricercare la presenza degli inquinanti organici persistenti (POPs) il cui elenco è stato ampliato. Queste le conseguenze dell’entrata in vigore dei regolamenti (UE) nn. 1357/2014 e 1342/2014 e della decisione 2014/955/UE, che hanno modificato l’attuale quadro legislativo in materia di classificazione e gestione dei rifiuti. Per comprendere meglio la portata delle nuove misure, è necessario integrare l’analisi dei dispositivi di legge con qualche esempio pratico.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here