Prestazioni energetiche e gruppi statici di continuità

Le tecnologie elettriche detengono un ruolo primario per quanto concerne gli obiettivi di risparmio energetico nazionale, i quali consistono nella riduzione, fra il 2010 e il 2020, di 20 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio risparmiate (TEP) nei consumi di energia primaria per adempiere alla strategia energetica nazionale. Questo processo conduce obbligatoriamente all’introduzione di nuovi strumenti tecnico-legislativi finalizzati all’attuazione di politiche correttive del consumo e della produzione energetica, oltre che a un aggiornamento costante degli operatori di settore. Il panorama legislativo italiano, di recente riformato dal D.Lgs. n. 102/2014, attuativo della direttiva 2012/27/UE, attraverso il D.M. 28 dicembre 2012, definisce gli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico - crescenti nel tempo - per le imprese di distribuzione di energia elettrica e gas per gli anni dal 2013 al 2016 e introduce nuovi soggetti e nuovi progetti ammessi alla presentazione per il rilascio dei certificati bianchi (“Titoli di efficienza energetica”, o TEE), tra i quali sono compresi i sistemi statici di continuità.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here