Smart working e lavoratori autonomi: i nuovi regimi di tutela

La regolamentazione del lavoro agile e l’introduzione di una disciplina più armonica e maggiormente protettiva per la libera professione, questi i temi centrali della legge n. 81/2017. Sotto la lente di ingrandimento le innovazioni.

Nel quadro della riforma del cosiddetto “jobs act” emanata nel 2015 mancava un ultimo tassello fondamentale: l’introduzione di una disciplina più armonica e maggiormente protettiva per il lavoro autonomo e la regolamentazione del lavoro agile meglio conosciuto anche come smart working; il dato di fatto è che nel corso degli ultimi anni, da un lato, è cresciuto in misura esponenziale – e anche abnorme per certi versi – il popolo delle cosiddette “partita iva”, formato soprattutto da lavoratori autonomi che occupano sempre di più una posizione di svantaggio socio-economico rispetto al committente che si riflette anche sul piano antinfortunistico mentre, dall’altro lato, un...

Registrati

Registrati per accedere ai contenuti riservati

Registrati qui!

Sei già registrato? Accedi per sbloccare i contenuti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome