Banca dati ambiente e risorse

Criteri ambientali minimi: ora tocca ai veicoli

Non solo acquisto, leasing, locazione e noleggio, ma anche grassi e oli lubrificanti e l’affidamento di servizi di trasporto di vario tipo nel D.M. 17 giugno 2021. In particolare, i nuovi criteri ambientali minimi in materia di veicoli si occupano di: acquisto, leasing, locazione e noleggio di veicoli adibiti...

DL semplificazioni-bis: cosa cambia per l’ambiente dopo la conversione in legge

La conversione del D.L. n. 77/2021 con la legge n. 108/2021 ha confermato le modifiche in materia ambientale, molte delle quali riguardano il testo unico, anche sulla scorta di quanto disposto dal Pnrr e dal Pniec. Le discipline coinvolte sono le autorizzazioni e i rapporti con la Pa, i...

Rimozione arsenico: un problema, tante soluzioni

La direttiva (Ue) 2020/2184 ha confermato, tra i tanti, il limite massimo per la concentrazione di arsenico. Conseguenza necessaria è la necessità, per i gestori degli impianti di depurazione, di adottare risposte efficaci, ma anche economicamente sostenibili. In questo contesto, i gestori del ciclo idrico integrato di alcune regioni...

Mobility manager: tutte le novità del D.M. 12 maggio 2021

Il “responsabile della mobilità aziendale”, introdotto dal decreto del ministero dell’Ambiente 27 marzo 1998, è stata oggi rivisitato, con l’introduzione alcune novità. Confermate le figure del mobility manager e di quello scolastico. Cambiano invece il numero dei dipendenti delle aziende/enti soggetti agli obblighi e il numero degli abitanti dei...

Ambiente e territorio: i poteri del sindaco secondo il Consiglio di Stato

Ambiente e territorio: i poteri del sindaco sono stati definiti dalla sentenza del Consiglio di Stato 23 giugno 2021, n. 4802. La pronuncia prende le mosse dall’ordinanza contingibile e urgente con la quale il primo cittadino di Taranto aveva imposto la chiusura dell’area a caldo del siderurgico Ilva, nel...

Campionamento istantaneo delle acque? Per la motivazione c’è sempre tempo

L'assenza nei verbali dei motivi del ricorso al metodo di prelievo istantaneo non integra un vizio di inutilizzabilità dei campioni e le conseguenti analisi, in quanto la motivazione può essere, nella sostanza, ricostruita a posteriori dal giudice. Questo orientamento della suprema Corte costituisce una relativa novità, peraltro ampiamente discutibile,...

Bonifica delle acque di falda: analisi di prodotti e reagenti e modalità di applicazione

Sono tecnologie “in situ” che non prevedono, cioè, la rimozione della matrice ambientale inquinata; soprattutto in presenza di contaminazioni residue e recalcitranti, risultano essere più efficaci, sostenibili ed economiche. Da un confronto incrociato tra i vari metodi, è possibile capirne i pro e i contro e, di conseguenza, l’efficacia...

Ispezioni ambientali: come non farsi cogliere impreparati

I controlli delle autorità competenti, come Noe e Arpa, per la verifica del rispetto della normativa in azienda, sono sempre più rigidi e frequenti. A seguito dei controlli possono anche emergere fatti aventi rilevanza di reato. Difficoltà interpretative e applicative spesso derivano anche dagli atti a cosiddetta “finalità mista”....

La responsabilità ambientale nei passaggi di proprietà

Non solo è opportuno svolgere un due diligence per comprendere meglio la situazione, ma è anche importante conoscere gli effetti che la legge e la giurisprudenza ricollegano alle varie forme di trasferimenti societari, in modo da sapere se e in che termini il trasferimento societario comporterà anche il trasferimento...

Sanificazione e detergenti: i criteri minimi ambientali

I prodotti devono essere in possesso del marchio di qualità ecologica Ecolabel o di equivalenti etichette ambientali conformi alla norma tecnica Uni En Iso 14024. Lavasciuga, idropulitrici o altre macchine devono essere ad alimentazione elettrica via cavo o a batteria e devono essere progettate e realizzate in modo da...

Acque per consumo umano: al via la nuova disciplina

Tra le novità gli obblighi di istituire programmi di monitoraggio al fine di verificare la conformità agli standard qualitativi e di improntare la fornitura, il trattamento e la distribuzione a un approccio basato sul rischio, che copra l’intera catena di approvvigionamento

La disciplina del danno ambientale: obblighi e procedure

Come si è evoluta la normativa in Italia a seguito della direttiva 2004/35/Ce? In quali casi si sovrappone alla legislazione sulle bonifiche? In cosa consistono le misure di riparazione per il terreno e per le acque?

Cerca nella Banca Dati
Filtra per categoria:

I contenuti della Banca Dati di Ambiente&Sicurezza sono riservati agli abbonati alla rivista.

Abbonati Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere ai contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.

Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione della banca dati e di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a

css.php