Discariche abusive: le ultime dalla Cassazione

Con la sentenza 31347/2021, la III sezione della suprema Corte è tornata a esprimersi in ordine alle condotte rilevanti ai fini dell’integrazione del reato di cui all’art. 256, comma 3, D.Lgs. n. 152/2006. A margine si segnala un interessante precedente del tribunale di Lecce di riqualificazione in abbandono di rifiuti. L'individuazione della corretta norma applicabile resta questione di primaria importanza, considerati i risvolti sul piano pratico sanzionatorio. La sentenza offre quindi l'occasione per fare il punto sulla legittimità, prendendo in considerazioni altre pronunce e tenendo in considerazione altre fattispecie quali l'abbandono di rifiuti e il deposito temporaneo. CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome